LO SPORT DI DICHIARARSI PRIMI E L’INDISPENSABILE NECESSITÀ DI UNA QUALIFICA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Avete notato come e quanto le persone coinvolte in qualsiasi iniziativa ed evento tengano a voler rimarcare ed evidenziare che sono stati i primi ad occuparsi di un evento, a dar vita ad un’iniziativa, promotori di un’idea… e via di questo passo?

Da oltre trentacinque mi occupo in prima persona, attraverso l’APES, di pizza e del settore, oggi assolutamente appagata dai risultati ottenuti e dalla grande popolarità e diffusione che la pizza ha avuto nel mondo: so di aver contribuito con entusiasmo e disinteressatamente per passione personale e sempre ho sostenuto con tutti di essere cresciuta professionalmente con i pizzaioli. E questo per me è vero e sano piacere.

Oggi, è tutto e solo business.

Questa parola non mi è mai piaciuta: ho amato vedere realizzare eventi e raggiungere obiettivi dove sentirmi serena e soddisfatta, da qualche anno ho infine raggiunto la pace e la tranquillità d’animo che mi permette d’incontrare tutti senza pensare da che parte stanno, se mi sono amici o nemici.

Evito solo quelli che da sempre so essere degli approfittatori, non sono capace di recitare.

Vado avanti con la coscienza di fare un lavoro pulito, senza raccogliere e lanciare sfide, per il piacere di fare il lavoro che ho scelto con la persona che è stata per me e per la mia vita un grande uomo, Antonio Primiceri.

primi

Se posso dico quello che penso cercando di non offendere nessuno, sicura che comunque non tutti potranno essere d’accordo con me. E porto i capelli bianchi per ricordarmi di “aver già dato” e che ora tocca ad altri andare avanti.

Moltissime sono le iniziative nate negli anni sulla scia dell’APES, nessuna di queste ci ha fatto del male o ci ha fatto “sparire”, anzi è stato un modo per ricordarci come la prima associazione e abbiamo fatto, con i pionieri di allora, la “storia”.

primi_cov

Il messaggio è che continueremo a farlo con la speranza che sia concesso ai pizzaioli di incontrarsi per migliorarsi, non solamente per battersi e polemizzare o volersi rubare la scena.

In tavola abbiamo l’attualità della qualifica professionale per il pizzaiolo e il disegno di legge a cui oggi dobbiamo fare riferimento, il 2280 presentato dal senatore Bartolomeo Amidei, è una bella opportunità per il settore.

La procedura prevede una serie di audizioni in Senato per raccogliere e convogliare

le indicazioni delle associazioni di categoria che in questi anni si sono create.

Alcune hanno idonei requisiti, altre millantano di averle, altre ancora si magnificano e incensano anche se non hanno fatto nulla, così come il grande Enzo Jannacci cantava:

primi1
E l’importante è esagerare
sia nel bene che nel male
senza mai farsi capire
E l’importante è esagerare
far mai finta di sudare
e se hai in mano solo mosche
prova a darci anche del tu.

 

Guardiamo al fine primario, la qualifica professionale, un valore per il futuro delle nuove generazioni, del resto fra trent’anni chi si ricorderà di noi?

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*