Continuiamo a parlare di energia

Abbiamo iniziato un percorso per parlare di energia, risparmio energetico ed ecosostenibilità, ci stiamo domandando se è possibile avere un basso impatto energetico con il nostro lavoro…dato che la ristorazione in Italia, che siano bar o ristoranti, consuma ogni anno circa 8,6 miliardi di KWh di fatto 26mila KWh di elettricità medio per esercizio. Si tratta di quasi 10 volte di più dei consumi di una famiglia media.
Inutile nasconderci dietro un dito, i locali pubblici hanno bisogno di elevati quantitativi di energia: lavastoviglie, forni, frigoriferi, banchi frigo e celle frigorifere in cucina, climatizzatori, riscaldamento, illuminazione in sala.
Alcuni numeri presi da uno studio dell’Ufficio dall’Ufficio Studi di Fipe (Federazione italiana pubblici esercizi) sono esaustivi: nei nostri esercizi pubblici installate più di 250mila lavastoviglie, 540mila frigoriferi e 280mila celle, centinaia di migliaia di forni e 200mila macchine per l’espresso nei bar (più quelle “maltrattate” dei ristoranti…ma questa è un’altra storia!).

Tutto questo ha un forte impatto sul nostro pianeta e sulle nostre bollette, ovviamente!
Volete saperne di più? Potrete trovare un articolo davvero interessante sul tema su “Canale Energia” la testata dei nostri partner in questo percorso nel mondo dell’energia, questo di seguito il link:

https://www.canaleenergia.com/rubriche/carbonfoodprint/ristorazione-e-sostenibilita-un-binomio-possibile/

Non perdetevelo!

1 Commento

  1. Queste informazioni sono molto interessanti ,grazie !!
    Non sempre ci rendiamo conto ,per lo meno lo notiamo solo all’arrivo delle bollette!.
    Bisogna tener conto che buona parte delle attività sono in affitto e fare investimenti risulta poco conveniente ,anche se….!
    Pensavo a pannelli fotovoltaici ma…il gioco non vale la candela!!!

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*