Luigi Fusco, rappresentate APES Piacenza e Lodigiano

È grazie a lui che siamo allo Street Food Technology di Piacenza, stiamo parlando di Luigi Fusco, patron della pizzeria da asporto “pizzeria da Gigi” a Guardamiglio.

L’esperienza della pizzeria da asporto ha fatto si che in lui si sviluppasse forte la consapevolezza che la pizza, più di ogni altro alimento italiano, è il perfetto cibo da strada, la sua amicizia con la Fiera di Piacenza e il lungo rapporto con l’Associazione APES, “è un’Associazione che rimane nel cuore” ci ha raccontato durante l’intervista, hanno fatto il resto!

Luigi si rendeva ben conto della grande sfida che questo evento poteva rappresentare ma sa anche che Piacenza è un punto nevralgico tra Lombardia ed Emilia e un territorio pieno di pizzerie, oltre 100 solo nel piacentino, per questo ha supportato in tutto l’Associazione perché potesse godere di questa occasione.

Il piacentino è un territorio vocato alla pizza, qui si tiene la competizione “Re della Pizza”, organizzato dal giornale “Libertà” i cui lettori decretano il vincitore, e molti eventi dell’Associazione APES.

Ma chi è il nostro rappresentate? Fa parte di una famiglia di ristoratori alla seconda generazione, la mamma cuoca e il padre commerciante hanno aperto il loro locale “La Croce Bianca” a San Rocco al Porto, nel 1973, quando lui aveva solo 8 anni.

Nel 1988, insieme ai fratelli, ha aperto il ristorante pizzeria “La Conchiglia” sempre a San Rocco al Porto, un angolo amalfitano nel cuore della Lombardia! Qui potrete gustare anche la famosa “Pizza Conchiglia” con cui Luigi Fusco ha vinto diversi premi tra cui i Campionati Europei APES nel 1990 e nel 1995, a Napoli, nel regno della pizza (immagine in evidenza)!

Ora Luigi, conosciuto come Gigi si è dedicato all’asporto nella sua pizzeria “Pizzeria da Gigi” a Guardamiglio dove ha pochi tavoli ma tantissime pizze (oltre 100 in menù) e diversi piatti di gastronomia.

Qui la pizza è davvero un cibo del “popolo” tanto che nel menù sono inserite anche le pizze inventate dai clienti e che da loro prendono il nome!

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*