I temi del Forum di Piacenza, spunti importanti per un evento di qualità!

Sull’onda del prossimo attesissimo evento a Piacenza, mentre Alessia divaga e fa da collante con tutti noi, curiosiamo insieme fra i temi del Forum: “la Pizza del III Millennio” suddivisi in:

1 – Incontrare i pizzaioli, incontrare la pizza

2 – Una sfida impossibile: comunicare con il consumatore

3 – Pizza & Olio

4 – La cucina e la pizza non sono mondi lontani

5 – Somministrazione, consumazione e distribuzione del prodotto pizza

I temi scelti dal nostro Segretario Generale Silvio Poletto non sono di poco conto e sorvolano a 360° l’attuale mercato, avendo origine da un passato tutto sommato recente.

Al primo punto i pizzaioli, i professionisti della pizza, quella pizza che sino a poco più di trenta anni fa significava un prodotto cotto sul piano refrattario del forno a legna, con una farina di frumento 00 condita con pochi semplicissimi ingredienti: pomodoro e mozzarella principalmente.

Tutto il resto, a detta dei sapienti professionisti di allora, non si poteva chiamare pizza.

Oggi gli impasti sono i più svariati, con farina di cereali vari, con aggiunta di farine di legumi, dalle lievitazioni infinite e con i condimenti più vari, non mettiamo limiti all’elenco.

Ma l’ultimissima moda è quella di non chiamare più il locale “pizzeria”, ovvero il termine è aggiunto quasi come un sottotitolo, dopo una virgola. I nomi tuttavia vengono dal passato, sono pinsa, pizzium, pizzarium, pitta, e via via a ricostruire un’ideale storico sul prodotto servito oggi al consumatore.

E qui si aggancia il secondo tema: comunicare con il cliente.

Pensare veramente che qualche riga sul sito del locale creato ad hoc spieghi perché e per come il locale si chiami così ed esprimere il concetto che si sta facendo della cultura a tavola in questo modo mi sembra veramente una pacchianata madornale, meglio, pura presunzione.

Sulla Pizza & Olio non ci metto mano, c’è qualcuno più in alto e bravo di me che saprà affrontare a fondo il tema, entusiasmando gli ascoltatori: parlo di Luigi Caricato, il guru dell’extra vergine, imbattibile nel creare e centrare i temi dei suoi numerosi fantastici eventi.

La cucina e la pizza, questa è facile: ormai tutti i grandi chef più o meno stellati si professano amanti e ricercatori della pizza. Non era certo così negli anni passati, tutt’altro. Vi ricordate, parlo a quelli che hanno la mia età, come era considerata la pizza? La parente povera della bella e grande ristorazione italiana. Adesso non so chi cucina, sono tutti in televisione, e rigorosamente senza tocco, noblesse oblige.

Bene, e ora siamo all’ultimo tema, che non sarà un tema ma una analisi del sistema di servizio e presentazione attuale: come sono oggi le pizzerie, quelle quantomeno che ancora per tali si riconoscono? Cosa propongono, pensano solo al business oppure c’è ancora un po’ di passione? Le nuove generazioni come si identificano?

Parleremo e approfondiremo questo e altro ancora. Si accettano suggerimenti e idee.

Maria Teresa Bandera

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*